BLOG

Il kitesurf e il suo presunto livello di sicurezza.

Indipendenza nel kitesurf

I rischi nel kitesurf e la tua sicurezza

L'indipendenza nel kitesurf azzera i rischi e aumenta la sicurezza. Luca durante un Personal Artofkitesurf
L’indipendenza nel kitesurf azzera i rischi e aumenta la sicurezza. Luca durante un Personal Artofkitesurf

I rischi nel kitesurf e la tua sicurezza sono un tema così vasto che probabilmente non basterebbe un giorno intero per discutere l’argomento nella sua interezza. Ricordati che, ogni volta che esci di casa per andare a praticare o imparare il kitesurf ti esponi inequivocabilmente a dei rischi che possono però essere ridotti con i giusti accorgimenti e sopratutto con un adeguato e responsabile insegnamento. Se trovi difficile capire che la tua indipendenza è fondamentale per la tua sicurezza è inutile che tu prosegua nella lettura di questo articolo. Un corso di kitesurf si deve basare su questo e non certo sul farti navigare prima di essere indipendente.

Chiaramente i rischi possono essere di molti tipi e dipendono anche dalle tue caratteristiche e dall’ambiente in cui ti trovi. Provo a dividere in due grandi gruppi gli elementi a cui devi prestare attenzione per la tua sicurezza e quella degli altri.

Le minacce ambientali i rischi del kitesurf

Nel primo gruppo si trova tutto quello che arriva dall’ambiente, spiaggia, mare, vento. Nel secondo invece il rischio che arriva dagli spazi, dagli altri e dalla nostra condizione fisica e presunzione.
In qualunque caso, è sempre importante essere previdenti e pensare in anticipo ad ogni pericoloso evento e alla sua adeguata e tempestiva soluzione.

Prima di ogni consiglio, ti dico subito che la base di partenza deve essere quell’elemento indispensabile su cui non bisogna discutere mai, ovvero la tua consapevolezza in ogni cosa che fai prima di pensare di iniziare a navigare. Se non sei convinto di questo ti assicuro che è una cosa grave per te e per gli altri.

I rischi nel kitesurf tutti parlano di sicurezza.

Quanto ne senti parlare dei rischi nel kitesurf e il suo alto livello di sicurezza? ...ma sarà proprio vero?
Quanto ne senti parlare dei rischi nel kitesurf e il suo alto livello di sicurezza? …ma sarà proprio vero?

Non c’è scuola ne istruttore ne organizzatore ne corsi che non parlino di alta sicurezza nel kitesurf. I corsi di formazione che rilasciano i cosiddetti brevetti riconosciuti internazionalmente parlano sopratutto di sicurezza. Gli organizzatori dei corsi parlano di sicurezza. Gli istruttori che escono da questi corsi parlano di sicurezza. Le scuole parlano di sicurezza. Insomma questo sport gira intorno sopratutto alla sicurezza. Ma ti sei mai chiesto cosa è veramente la sicurezza in generale? Ovvero il significato della parola sicurezza? e quello di rischio?

“La sicurezza è la condizione che rende e fa sentire di essere esente da pericoli, o che dà la possibilità di prevenire, eliminare o rendere meno gravi danni, rischi, difficoltà, evenienze spiacevoli, e simili”

La sicurezza (dal latino “sine cura” senza preoccupazione) può essere definita come la “conoscenza che l’evoluzione di un sistema non produrrà stati indesiderati”. In altri termini è l’essere consapevoli che una certa azione non provocherà dei danni futuri. Solo una conoscenza di tipo mirato e indiscutibilmente approfondito basata su osservazioni e atti ripetibili, può garantire una valutazione sensata della sicurezza.

La sicurezza totale si ha in una potenziale assenza di pericoli. In senso assoluto, si tratta di un concetto difficilmente traducibile nella vita reale anche se l’applicazione delle norme di sicurezza rende più difficile il verificarsi di eventi dannosi e di incidenti traducendo il tutto in una migliore qualità di vita.

l rischio invece è l’eventualità di subire o arrecare un danno a circostanze più o meno prevedibili

Vediamo insieme di esaminare l’alta qualità di sicurezza che si dici esserci nel kitesurf.

I rischi nel kitesurf e la tua sicurezza che si afferma essere di alto livello

Intendiamoci non è un processo a nessuno è una semplice desamina onesta e reale dei fatti, con lo scopo d’informarti. Partiamo da chi dovrebbe fare formazione e formare la sicurezza abbattendo al minimo i rischi di questo sport.

Cose positive: gli allievi devono mettere il casco e il giubbino, l’allievo deve raggiungere una sua indipendenza prima a terra e dopo in acqua, non si può insegnare in acqua bassa l’altezza minima è alla vita, il leash della vela deve essere sempre agganciato sul davanti del trapezio, l’allievo deve conoscere e saper usare tutte le sicurezze che questo sport mette a disposizione, le scuole devono avere un mezzo di salvataggio sempre in acqua e pronto a intervenire, bisogna insegnare con le linee corte, le scuole non dovrebbero nascere in prossimità di ostacoli (esempio scogli…)

Le scuole dovrebbero avere degli spazi adeguati, le scuole dovrebbero rilasciare una tessere con su scritto il reale livello raggiunto dall’allievo, un istruttore è un assoluto capace e profondo conoscitore della materia, gli istruttori sono dei seri professionisti, per diventare istruttori c’è una severa selezione prima di tutto pratica e poi didattica per dare credibilità al settore con spiccate capacità tecniche individuali.

Penso sia sufficiente per capire. Ora andiamo ad esaminare punto per punto.

I rischi nel kitesurf gli allievi devono mettere il casco e il giubbino. 

Allievo Artofkitesurf i rischi nel kitesurf nessuno obbliga nessuna per fare formazione bisogna saper educare.
Allievo Artofkitesurf i rischi nel kitesurf nessuno obbliga nessuna per fare formazione bisogna saper educare.

Assolutamente vero e sacrosanto ma che giubbino e casco? Ti sto parlano di sicurezza non dimenticarlo mai. Se il casco è un semplice copricapo di plastica che sicurezza è? Giubbino omologato al galleggiamento assolutamente utile per chi inizia (ammesso e concesso che sia della misura giusta, il più delle volte non è così) 

Se poi qualcuno dice che deve essere indossato anche durante i corsi di un certo livello avanzato dovrebbe spiegare come mai allora gli istruttori non danno il buon esempio. Oltretutto durante un corso istruttori tu puoi vedere che tutti hanno il casco e quando vanno in acqua anche il GIUBBINO. Ma finito il corso non è più obbligatorio per nessuno. (Es: nello sci l’allievo ha il casco il maestro pure, nella bici l’allievo ha il casco il maestro pure ecc…) 

Chi è secondo te il responsabile? Forse chi fa formazione? Che ne dici?

L’allievo deve raggiungere una sua indipendenza prima a terra poi in acqua.

Se fosse rispettata questa regola i rischi nel kitesurf sarebbero minimi. Ma tu sai bene che non è cosi perché lo vedi in ogni spiaggia ciò che succede, senza contare di chi rimane in mare alla prima difficoltà incapace di gestire la vela nel suo rilancio dall’acqua. Ora dimmi onestamente chi dovrebbe fare formazione in merito?

Non si può insegnare nell’acqua bassa altezza minima la vita.

Conosci qualche spot con scuole certificate che insegnano con acqua bassa? Sono certo che se fai uno sforzo ne conosci parecchie di scuole in Italia ed estero o sbaglio? Mi sembra abbastanza inutile che ti scriva un elenco non mi basterebbero alcune pagine.

Il leash della vela deve essere agganciato sempre sul davanti del trapezio

Quanti ne vedi con il leash dietro al trapezio? E sopratutto sai che chi lo dice e fa formazione è il primo a non rispettarlo? il web è pieno di questa contraddizione molto pericolosa. Leash posteriormente al trapezio, barra alta sul depower, vela bassa, spalle avanti = Rischio nel kitesurf e sicurezza pari allo zero. È come se in moto ti parlassero di sicurezza e poi ti insegnano ad andare a 200 all’ora senza casco e in pantaloncini corti. Artofkitesurf non può pubblicare le foto di cui sopra citate e lo sai perché? Ce l’hanno impedito difendendosi dietro alla privacy.

L’allievo deve conoscere e saper usare tutte le sicure messe a disposizione per diminuire i rischi nel kitesurf e aumentare la sua sicurezza.

Allievo Artofkitesurf durante il suo Personal. Azzerare i rischi nel kitesurf farà di te un kiter più sicuro e rispettoso degli altri.
Allievo Artofkitesurf durante il suo Personal. Azzerare i rischi nel kitesurf farà di te un kiter più sicuro e rispettoso degli altri.

Sarebbe molto bello se fosse così, anche perché se ci pensi gli incidenti sarebbero ridotti quasi a zero. Metti in mano un chicken loop ad un rider seduto ad un tavolo e digli di sganciarlo e riagganciarlo e vedrai il tempo che passa prima che lo risistemi. (Seduto ad un tavolo, figurati in mezzo al mare) Domanda ad un rider o ad un istruttore per quale motivo tecnico dinamico un kite stalla? Quante condizioni del genere conosce? Quali sono le cause e le contromisure? Senti cosa ti risponde. Le sicurezze nel kitesurf non sono solo casco giubbino leash chicken loop, le sicurezze riempiono un libro.

le scuole devono avere un mezzo di salvataggio in acqua e pronto ad intervenire in caso di necessità.

Quante scuole conosci che non rispettano questo in Italia ed estero? Se fai uno sforzo sono sicuro che te ne vengono in mente alcune decine.

Bisogna insegnare con i cavi corti per eliminare i rischi nel kitesurf e aumentare la sicurezza

Allievo Artofkitesurf durante un suo Personal sicurezza e consapevolezza prima di ogni cosa.
Allievo Artofkitesurf durante un suo Personal sicurezza e consapevolezza prima di ogni cosa.

Assolutamente vero solo che bisognerebbe insegnare agli istruttori il rapporto tra la lunghezza delle linee, la grandezza del kite e il vento presente in quel momento. Il tutto equilibrato con un perfetto trim della vela. Un kite ad un allievo deve cadere solo per un suo errore di gestione e non certo per la poca preparazione del suo istruttore nel consegnargli un’attrezzatura in precario equilibrio statico e dinamico.

Le scuole non devono nascere in prossimità di ostacoli tipo scogli.

Anche qui sono certo che se fai uno sforzo ti accorgerai di conoscerne parecchie in Italia ed estero.

Le scuole dovrebbero avere degli spazi adeguati.

Beh anche qui se ci pensi bene ti accorgeresti che ci sono molte scuole che gli spazi non sanno nemmeno cosa siano facendo lezioni con ogni tipo di intralcio (ombrelloni, barche ecc..)

Le scuole dovrebbero rilasciare un tesserino con il reale livello raggiunto dall’allievo.

Tutti sanno che non avviene così. Artofkitesurf ne è testimone con nomi e cognomi di quanto avviene. Si presentano ai nostri schoolmaster e personal allievi che mostrano il tesserino che certifica le loro presunte abilità per poi scoprire che cosi non è.

L’istruttore deve essere un profondo conoscitore della materia un professionista.

Per prima cosa bisognerebbe leggere il significato di questa parola. Secondo io stesso ho fatto corsi principianti a decine e decine di allievi che dopo 3/4/5/6 mesi sono diventati istruttori con tanto di brevetto cosiddetto internazionale. E questo lo sanno tutti nessuno escluso, ma nessuno si guarda bene da denunciare il fatto. (i soldi fanno crescere la vista anche ai cechi).

Gli istruttori sono dei seri professionisti.

Ho già risposto sopra ma voglio aggiungere una cosa che penso sia importante. Può darsi, anzi sicuramente, che ci sia qualcuno che faccia del suo meglio con passione e volontà, ma se ci pensi bene c’è qualcosa che non va, vuoi sapere cosa?…. Conosci dei professionisti di qualsiasi genere e campo che guadagnino 20 euro (in alcuni rari casi 30) all’ora? Se è vero che il denaro spesso da il reale valore di un bene o di un servizio la risposta puoi tranquillamente dartela da solo. Ogni anno vengono sfornati decine e decine d’istruttori eppure le scuole ogni anno sono in difficolta nel reperirli.

Per diventare istruttore c’è da dimostrare il proprio livello pratico e di padronanza di questo sport.

Non solo non esiste una cosa del genere fatta seriamente, ma i corsi vengono svolti alle volte in assenza di vento o in condizioni meteo pessime. Comunque gli stessi vengono portati a termine ugualmente. Ah è vero alla fine del corso ogni aspirante istruttore si trova a dover praticare alcune ore di recupero che DOVREBBERO e ripeto DOVREBBERO (condizionale) essere svolte in una scuola.

Ma ti chiedo allo scopo di cosa? Per valutare se si è idonei ad insegnare? Cioè ragiona un attimo, tu fai un corso per diventare un istruttore, non fa vento, quindi non posso sapere il tuo livello, (anche se c’è vento questo interessa molto molto poco) ti portano da aiuto istruttore ad istruttore in pochi giorni finendo il corso e ti dicono di andare in una loro scuola a lavorare (gratis) per recuperare delle ore ed essere valutato da altri.

È come se ti iscrivessi ad un corso di meccanica senza mai aver visto un motore e alla fine ti viene detto che per avere un riconoscimento valido devi andare a lavorare in una officina (gratis) tot ore per conseguire il tuo brevetto da professionista. Domanda …ci andresti da quel meccanico?

Stai attento perché tutto ciò che leggi è la verità assoluta è innegabile perché lo sanno tutti ma nessuno ha il coraggio di parlartene per convenienza. Io direi che per oggi è tutto, nelle prossime settimane Artofkitesurf.com ti informerà sulla validità dei brevetti in generale citandoti e spiegandoti bene cosa dice la legge italiana. 

Artofkitesurf è nato solo per fare informazione imparziale e giusta. Poi come sempre ogni uno pensa e ragiona come meglio crede anche perché siamo in un paese assolutamente libero e il rispetto del prossimo deve stare sempre al primo posto.

Leggi anche “I segreti dell’apprendimento e della formazione nel kitesurf”

Se vuoi saperne di più approfondendo questo o altro argomento siamo a tua completa disposizione. Ti basterà compilare il modulo qui sotto con i tuoi dati. Puoi iscriverti alla “NEWSLETTER” per poter ricevere ottimi spunti di riflessione e scaricare i preziosi ibook contenenti tutorial tecnici molto dettagliati per aiutarti a raggiungere i tuoi obbiettivi, oppure richiedere info sui corsi Personal, Schoolmaster RICONOSCIUTI DAL CONI RISPETTANDO GLI STANDARD NAZIONALI ALTA QUALITÀ (SNAQ 1) o le nostre sempre più richieste Call Coaching, tutto garantito dall’ENTE DI PROMOZIONE SPORTIVA RICONOSCIUTA DAL CONI LIBERTAS E ARTOFKITESURF.COM con una vera assicurazione di crescita a te dedicata. Verrai sicuramente contattato entro poche ore.

Torna su